Agente Nurzhan C
voto: 0+x

Elemento#:SCP-XXX-IT

Classe Dell'Oggetto: SafeThaumiel

Procedure Speciali di Contenimento:L’artefatto è attualmente contenuto nell’Area-217 gestita dal Sito Nettuno. L’anomalia non deve essere assolutamente spostata dalla spiaggia in cui è arenata. SCP-XXX-IT Va lavata e mantenuta ogni 15 giorni. L'accesso è ristretto al personale di Livello 3 o inferiore, se non per esperimenti o lavori di manutenzione svolto dal team assegnato alla nave. Se si riportano danni nell’anomalia, contattare il team di manutenzione in servizio, ed immediatamente sostituire i materiali/pezzi dannegiati con componenti usati nell’anno 1938.

Descrizione:SCP-XXX-IT è una corazzata della classa Vittorio Veneto, più nel dettaglio, la Roma, di manifattura del ██ Settembre nel 19██ presso il porto di ████████, che fu successivamente affondata nel suo percorso per Malta. SCP-XXX-IT Fu poi ritrovato nella spiaggia di █████████, scoperto da un gruppo di adolescenti, che segnalarono la scomparsa improvvisa di uno dei loro compagni. Nonostante fossero passati tra i 70 e i 80 anni, ed aver subito grossi danni, l’anomalia è stata trovata in condizioni quasi perfette, con cannoni, antiaeree, e centro di controllo funzionanti, come il resto della nave. Oltre a quest’ultima peculiarità, ogni mirino ottico, periscopio o binocolo che si guardi attraverso, condurrà l’osservatore in un’universo parallelo, formato da una pianura infinita di quello che sembra essere della semplice sabbia marina, popolata da ogni relitto navale dal 14██, fino al 19██, ognuna possedenti delle proprietà anomale differenti da ciascuna, d’ora in avanti, denominati SCP-XXX-IT-1/(N^). Dopo profondi studi si è scoperto che la nave e ogni dispositivo ottico formavano nell’insieme uno squarcio nello spazio-tempo, che sembra a tutti gli effetti, artificiale, che conduce in questo universo, anch’esso apparentemente artificiale, dato l’assoluta mancanza di altri elementi al di fuori da quelli precedentemente descritti. L’ambiente nell’universo di SCP-XXX-IT ha una percentuale di ossigeno, azoto ed altri gas identici alla Terra, nonostante l’assenza di un gran numero di piante, o un ecosistema. In dettagliate analisi, si è rivenuto che le navi sono disposte precisamente in uno schema lineare, tutte distanziate 10m l’una dall’altra. Chi, o cosa l’abbia creata è tutt’ora sconosciuta, ma si ipotizza possa essere il lavoro di una GdI, oppure, opera di un’altro SCP. La teoria più accreditata della creazione di SCP-XXX-IT è che sia stato un progetto della CFO, che in qualche modo abbia contenuto un fenomeno anomalo che catapultasse il soggetto all’interno di un universo parallelo. Il perché sia stata abbandonata potrebbe essere accreditata alla mole della nave che contiene il fenomeno, oppure l’ingresso eccessivamente piccolo per trarne vantaggi.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License