SigeardDePatrie
voto: 0+x

Elemento #: SCP-262

Classe dell'Oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: Attualmente, SCP-262 è oggetto di test. Si vuole analizzarne il possibile utilizzo sul campo per la cattura di altri SCP. È consigliato l'utilizzo sotto la sorveglianza di un comandante. Ad oggi, agli agenti è sconsigliato l'uso di SCP-262 senza adeguata supervisione. SCP-262 deve essere riposto in una stanza climatizzata nel Sito ██, sorvegliato da almeno due membri di Livello-2 del reparto di Sicurezza.

Descrizione: SCP-262 è un cappotto marrone chiaro, di taglio militare, europeo, databile in un periodo fra il tardo XV fino agli inizi del XX secolo. Considerata l'assenza di qualsiasi marchio o mostrina, i ricercatori suppongono sia un prototipo espositivo, pensato per realizzare una nuova serie di uniformi per ufficiali. Il progetto deve essere stato dimenticato o rifiutato, visto che non è mai stato implementato. Il cappotto è tessuto in lana e copre la maggior parte dei soggetti fin sotto il ginocchio. La datazione al carbonio sulle fibre è stata inconcludente, stimando l'età di SCP-262 in un range fra i 6 200 e i 6 400 anni. Una delle possibili spiegazioni è che la lana usata per creare SCP-262 sia effettivamente vecchia di migliaia di anni, ma che il cappotto sia stato tagliato e confezionato solo in epoca più recente.

SCP-262 è capace di materializzare numerosi arti dalla sua scura fodera interna. Qualsiasi soggetto indossi SCP-262 deve solo aprire il cappotto per materializzare braccia e mani che, in qualche modo, sono sotto il suo controllo. La maggior parte degli arti è di natura umana, con diversi colori di pelle, lunghezza e forza. Sono state osservati anche:

  • un arto tentacolare coperto di scaglie, simil-rettiliano, lungo circa 4 m (13 piedi)
  • 4 appendici simili a braccia fatte di cellulosa, semi trasparenti, lunghe oltre 10 metri (33 piedi), con 4 dita, 2 giunti simili a gomiti ma senza nessun polso
  • la zampa artigliata di un grosso felino, potenzialmente una puma o un leone di montagna
  • un certo numero di piedi e gambe che appaiono randomicamente

Lo spazio sotto SCP-262 va considerato non euclideo, così come lo stesso cappotto diverge dalle normali tre dimensioni. In uno dei test, al soggetto 402M è stato detto di indossare SCP-262 sopra la testa. Appena conclusa l'operazione SCP-262 è caduto al suolo, mentre il soggetto di classe D è scomparso sotto di esso. Tempo dopo, l'analisi delle impronte digitali sugli oggetti entrati in contatto con SCP-262 ha rilevato che una delle braccia materializzate durante il test apparteneva al soggetto 402M.

I soggetti che indossano SCP-262 nel modo corretto sono capaci di controllare questi arti con diversi gradi di abilità. Il soggetto 301F è stato capace di portare a termine diverse attività contemporaneamente pur essendo bendato, e senza rendersene conto. Questi risultati hanno portato i ricercatori a credere che SCP-262 possieda sia la consapevolezza che la capacità di percepire l'ambiente circostante anche quando il soggetto ne è privato. Alcuni credono che SCP-262 sia completamente senziente dopo averlo osservato:

  • suonare il pianoforte con due o più mani, nonostante il soggetto del test non avesse nessuna esperienza o istruzione in ambito musicale;
  • difendere sé stesso/il soggetto che lo indossava da più attacchi contemporaneamente;
  • alcuni arti "combattersi" a vicenda o contrastare la volontà del soggetto;
  • alle volte, quando un soggetto prova a fumare, un certo arto procederà a rimuovere la sigaretta dalle labbra del soggetto e buttarla via. Altre volte, una mano diversa metterà una sigaretta in bocca al soggetto e l'accenderà, anche se questo non è un fumatore;

Acquisizione: SCP-262 è stato preso in custodia dalla Fondazione quando 'L'Amministratore' ha deciso di gettarlo, nel tardo 20esimo secolo. Considerando il suo status, a 'L'Amministratore' sono concessi diritti speciali che gli permettono di tacere sulle origini di SCP-262, su come ne è entrato in possesso e su come l'ha usato. 'L'Amministratore' ha consegnato SCP-262 alla Fondazione affermando che "nelle mani giuste, può essere estremamente utile. Nelle mani sbagliate, può essere estremamente pericoloso. Nelle mie mani stava diventando solo polveroso e mangiato dalle tarme, e occupava fin troppo spazio nel mio armadio".

Addendum 01: selezione di estratti da ricerche avanzate sulle capacità di SCP-262

Analisi Studio 262-11: rivoltamento di SCP-262
* Test 7 - Dopo aver indossato SCP-262 correttamente, il Soggetto-722M inizia a rivoltare la manica destra per sfilare il braccio. Molte voci diverse urlano di dolore. Al Soggetto-722M viene ordinato di continuare a rivoltare la manico. Diverse braccia provenienti dalla fodera di SCP-262 attaccano il Soggetto-722M. Tentando di rimuovere il cappotto, il Soggetto-722M cerca di estrarre il braccio ma così facendo rivolta la manica. Un lungo arto di cellulosa appare dalla manica opposta, gira attorno e dentro la manica rivoltata, stringe la mano intrappolata del Soggetto-722M e tira violentemente. Così facendo, SCP-262 sloga la spalla del soggetto e gli amputa il braccio all'altezza del gomito. Tornato nella sua posizione corretta, tutti gli arti emanati si ritirano e le voci cessano di urlare. Le ferite del Soggetto-722M vengono curate e la sua condizione rimane stabile.
Analisi Test 262-42: utilizzo di SCP-262 su un manichino

  • Test 1 – SCP-262 viene fatto indossare su un manichino umano, maschio, anatomicamente corretto, vestito con l’uniforme tipica del personale SCP. Dopo alcuni minuti, un unico braccio umano spunta dalla fodera di SCP-262 e tocca la faccia del manichino. Dopo alcuni tocchi di apparente curiosità, il braccio si ritira e non vengono registrati altri movimenti per la restante durata del test.
  • Test 4 – i ricercatori hanno fatto indossare SCP-262 sopra la testa di un altro manichino, simile al primo. Dopo alcuni istanti SCP-262 cade a terra, facendo scomparire il manichino sotto di sé.
  • Addendum: dopo questo test, i ricercatori hanno notato che SCP-252 materializza un braccio di legno simile a quello del manichino scomparso.

Analisi Test 262-307: SCP-262 viene fatto indossare ad un essere umano morto da poco

  • test 1 – il personale di ricerca ha fatto indossare SCP-262 sul corpo di un dipendente di classe D, recentemente terminato in un esperimento con SCP-[DATI CANCELLATI]. Il corpo è intero, illeso e montato su una sedia in posizione seduto. Dopo qualche istante un singolo braccio umano, materializzatosi dalla fodera interna di SCP-262, tocca la faccia del soggetto. Dopo aver indagato per un attimo, il braccio si ritira. Dopo qualche momento il corpo su cui si trova SCP-262 inizia a tremare violentemente. Vengono uditi scrocchi e crepitii, poi le mani del cadavere, che spuntavano dalle maniche, si ritirano improvvisamente. Il corpo smette di tremare. Una mano umana esce dal colletto e alza la testa del cadavere in posizione eretta. Numerose braccia e mani si intrecciano per raddrizzare il busto. Due arti di cellulosa scendono lungo le gambe e stringono le caviglie. SCP-262 procede facendo assumere al cadavere una posizione eretta. SCP-262 procede violando il contenimento e sopraffacendo il personale di sicurezza. Al momento nell'edificio erano di stanza, come rinforzi, gli MTF Epsilon-9 (aka "Mangiafuoco"). Scaricando i loro lanciafiamme in massa addosso a SCP-262, i membri della MTF-E9 sono riusciti a metterlo all'angolo in un vicolo cieco. Nel momento in cui è stato accerchiato, una mano emanata dall'interno di SCP-262 ha tirato il cappotto sopra la testa del cadavere. SCP-262 è caduto al suolo mentre il corpo del membro di classe-D spariva sotto di esso. Non è possibile determinare se l'incidente sia stato causato di proposito da SCP-262 o se era la volontà del cadavere, recentemente deceduto, utilizzato per l'esperimento
Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License