Sandbox LuPierge
voto: 0+x
Immagine%2014.jpg

Uno dei primi avvistamenti di SCP-XXXX (in alto a sinistra)

Elemento #: SCP-XXXX

Classe dell'Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento:
attualmente risulta impossibile contenere SCP-XXXX in maniera controllata, dato la sua capacità di distruggere istantaneamente qualsiasi materiale utilizzato fin ora per il contenimento. Fin quando non verrà trovata una soluzione, bisognerà costruire un contenitore di 5m×5m×4m nello spazio esterno predisposto del Sito-19 ogni due mesi, utilizzando qualsiasi materiale che non sia stato ancora testato sin da allora.

Il giorno della riapparizione di SCP-XXXX (ogni 60 giorni), tutto il personale di classe D, sorvegliato da non meno di 30 agenti di sicurezza, dovrà ritrovarsi nell'area circostante al contenitore, in modo che SCP-XXXX possa scegliere la propria vittima tra di loro e, nel caso riesca ad uscire dalla cella, anniantarla sul momento. Sarà dove giacerà il cadavere della vittima il posto dove verrà costruito il contenitore successivo.

_84896171_crash_house1.jpg

Un abitazione squarciata a causa del passaggio di SCP-XXXX (vedi Addendum XXXX-1)

Descrizione: SCP-XXXX è un entità simile ad uno spaventapasseri, composto da due assi di legno disposte a croce, un mantello nero malandato che rimanda alla figura immaginaria della morte e due mani grottesche poste alle estremità dell'asse orizzontale, il cui materiale non è stato identificato. Nell'intersezione delle due assi è appeso un cartello con scritto [REDATTO].

SCP-XXXX è in grado di volare e si è rivelato ostile nei confronti degli umani. SCP-XXXX dà la caccia ininterrottamente ad una sola vittima prescelta che chiameremo SCP-XXXX-1.
Una volta scelto la sua vittima, SCP-XXXX comincerà a seguirla senza sosta ovunque egli vada e non si fermerà finché non la avrà uccisa. In tal caso, SCP-XXXX svanirà in una nube di fumo nero, lasciando il cadavere di SCP-XXXX-1 nel luogo dell'avvenimento, e riapparirà sempre nello stesso luogo esattamente 60 giorni dopo, alla ricerca di una nuova vittima. SCP-XXXX sembra scegliere esclusivamente persone che hanno commesso dei reati gravi nel loro passato.

SCP-XXXX-1, da quando comincerà ad essere inseguito, inizierà ad avvertire strane sensazioni ed allucinazioni, sia visive che uditive, rappresentanti lo stesso SCP-XXXX. La frequenza e pesantezza di tali allucinazioni aumentano o diminuiscono a seconda della vicinanza da SCP-XXXX.
Non esiste alcun modo possibile con il quale SCP-XXXX-1 possa sfuggire alla morte, se non la morte stessa, causata da elementi esterni a SCP-XXXX.

SCP-XXXX è inoltre capace di distruggere istantaneamente qualunque ostacolo di qualunque materiale che si trova lungo il suo cammino. Che sia una recinzione, una parete di cemento armato o una montagna, SCP-XXXX non avrà alcun problema a passarci attraverso.

La scoperta e la cattura

La Fondazione è venuta a conoscenza di SCP-XXXX grazie a moltissime segnalazioni da parte di testimoni oculari e mass media riguardo numerosi casi in diverse città della Gran Bretagna. Secondo queste fonti, un oggetto volante non identificato si sarebbe scagliato dall'alto contro varie strutture delle città in questione (nella maggior parte dei casi sono state coinvolte delle carceri, in altri casi delle comuni abitazioni). Numerose vittime avevano segnalato, prima della loro morte, a psicologi e forze dell'ordine locali, di percepire visioni e strane sensazioni di pericolo, come se dovessero scappare da qualcosa. Tutti questi casi si sono verificati seguendo uno strano e preciso ordine, ovvero un nuovo caso ogni due mesi esatti.

La Fondazione, con l'aiuto della polizia, ha pianificato un metodo di indagine per cui qualsiasi abitante delle città locali avesse strane sensazioni, apparizioni ed allucinazioni simili a quelli precedentemente descritti, dovrà essere immediatamente scortato e trasportato, in modo da studiare il comportamento di SCP-XXXX.

Questo metodo è andato a buon fine, infatti SCP-XXXX è stato, con i giusti accorgimenti, spostato al Sito-19, lontano da qualsiasi centro abitato. Successivamente il caso è stato dichiarato "risolto" dai mass media, per ordine della Fondazione, con il semplice scopo di ripristinare la quiete pubblica e nascondere la verità.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License