josephcarra

Elemento: SCP-XXX-IT

Classe dell’oggetto: Euclid

Procedure Speciali di Contenimento: L'ingresso al bosco in cui si trova SCP-XXX-IT è stato proibito al pubblico per importanti ragioni di sicurezza. L'accesso all'area in cui è posto SCP-XXX-IT è stato ulteriormente inibito al pubblico mediante una recinzione di 2,5 m. (due metri e mezzo). Accanto a SCP-XXX-IT è stato affisso un cartello che ne vieta l'utilizzo per ragioni di manutenzione. Il suo impiego è consentito solo al personale di classe D. Due guardie armate sorvegliano l'ingresso principale del [DATI CANCELLATI] e altre due l'accesso a est. Le possibilità circa un'eventuale esportazione di SCP-XXX-IT dal suo punto di ubicazione sono attualmente oggetto di battito.

Descrizione: SCP-XXX-IT è una comune altalena situata all'interno della [DATI CANCELLATI], provincia di Roma. L'altalena è collocata esattamente 1,37 km (un chilometro e trecentosettanta metri) dopo l'ingresso principale. SCP-XXX-IT appare come un comune gioco da giardino dalle dimensioni di 240x220x260 centimetri, composto da pali montanti e trave in legno di pino, seggiolino di plastica nera e due catene d’acciaio. Le catene presentano uno stadio avanzato di ossidazione.
Quando una persona entra in un raggio di 2 m. (due metri) da SCP-XXX-IT, se l'altalena non è osservata direttamente, sembrerà di sentire le catene cigolare, come se qualcuno la stesse usando. Il movimento è effettivamente verificabile osservando SCP-XXX-IT indirettamente, mediante telecamere, specchi o altro materiale riflettente, o voltandosi di scatto. In questo caso, quando la si osserva, le catene dell'altalena smettono gradualmente di oscillare, fino ad arrestarsi. Dal momento in cui un soggetto osserva SCP-XXX-IT entro un raggio di 2 metri, avverte l'irrefrenabile impulso di salire sull'altalena e di fare oscillare gli arti inferiori in prossimità degli estremi dell'angolo di oscillazione.

Quando un soggetto, utilizzando SCP-XXX-IT, imprime una forza con frequenza angolare tale da rendere l'ampiezza dell’attrattore superiore a quella eguagliabile con un'oscillazione pari a ██ gradi rispetto all'asse verticale, accuserà una serie di allucinazioni che culmineranno in un arresto cardiaco fatale. In particolare, seguendo la ricostruzione degli eventi (Vedi Documento XXX-1) quando si superano i ██ gradi di angolazione:

  • Il soggetto manifesta una percezione cromatica e temporale errata, arrivando a credere che sia calata la tenebra.
  • L'energia cinetica accumulata dall'altalena non produce dispersioni.
  • Il cigolio delle catene viene percepito come “risate di bambini”.
  • Il soggetto scorge a una distanza presunta di ███ m. (██████ metri) una figura umanoide che si nasconde dietro il tronco di un castagno.
  • Il soggetto vede la figura umanoide correre verso di lui.
  • Ogni volta che l’altalena completa il moto oscillatorio, il soggetto vede la figura umanoide sempre più vicina.
  • Il soggetto dichiara di non riuscire a rallentare l’oscillazione dell’altalena, né a scendere da essa.
  • Il soggetto perisce per arresto cardiaco.
  • Il volto del cadavere assume un’espressione di [DATI CANCELLATI].

Ogni tentativo di arrestare la risonanza parametrica di SCP-XXX-IT una volta raggiunto il livello di oscillazione indicato sopra è risultato vano. Superati i ██ gradi di angolazione, qualsiasi forza di attrito naturale o artificiale non riesce a contrastare l’energia cinetica insita nell’altalena.
Le altre persone presenti non sembrano rilevare nulla di insolito. Vedi Incidente XXX-8.

SCP-XXX-IT ha attirato l'attenzione della Fondazione nel giugno del 20██ dopo che cinque bambini di età compresa tra gli 8 e 13 anni sono morti per arresto cardiaco mentre giocavano con l'altalena.

Documento XXX-1

Esperimento I

D-555, è una donna caucasica di 38 anni, condannata all'ergastolo nel 20██ per [DATI CANCELLATI]. Dal suo profilo psicologico, D-555 risulta dotata di un livello di intelligenza medio-basso, tuttavia non presenta [DATI CANCELLATI] né alcun tipo di disturbo dissociativo dell'identità.
All'interno del perimetro sono state collocate tre telecamere grandangolari, rilevatori di movimento e rilevatori di velocità in prossimità dell’altalena. L'area è inoltre sorvegliata da un drone con camera incorporata a 10 metri di altezza. Le condizioni meteorologiche e l’orario (██:27 ora locale) sono ottimali ai fini della visibilità. D-555 è fornita di auricolari con microfono per comunicare con il Dr. ██████, che presidia l’operazione.

Dopo aver percorso il sentiero principale, D-555 raggiunge il perimetro dell’altalena.

Dr ██████: Vedi qualcosa di insolito?
D-555: Niente di niente. Solo alberi e foglie secche.
Dr ██████: riesci a scorgere l’altalena?
D-555: Sì, la vedo. È proprio davanti a me.
Dr ██████: Quanto dista da te?
D-555: Approssimativamente dieci metri.
Dr ██████: Avvicinati.

D-555 cammina verso l'altalena senza obiettare, fino a distare circa un metro e mezzo da essa.

D-555: Sembra una bella altalena. Credo che ci farò un giro.
Dr ██████: Aspetta. Prima voltati verso nord.

D-555 si gira sbuffando. Dopo dodici secondi le telecamere riprendono l'altalena che comincia a oscillare.

Dr ██████: Noti qualcosa di insolito?
D-555: No. Ora posso andare sull'altalena?
Dr ██████: Non ancora.

D-555 si volta di scatto verso l'altalena. Le telecamere mostrano il moto oscillatorio cessare lentamente.

D-555: Mi era sembrato di sentire le catene cigolare, eppure è strano. Non c'è vento… posso fare un giro sull'altalena adesso?
Dr ██████: Permesso concesso.

D-555 si siede sul seggiolino, afferra le corde con entrambe le mani e si da una leggera spinta con i piedi. Mantiene un'oscillazione moderata.

Dr ██████: Come ti senti?
D-555: Bene… mi sento bene… libera, libera come non sono mai stata prima…
Dr ██████: Avverti qualche sensazione particolare?
D-555: No, sono semplicemente felice.

Venticinque secondi dopo D-555 raggiunge un'angolazione approssimativa di ██ gradi e inizia a manifestare una errata percezione del tempo.

D-555: Che strano… è già calato il sole. Da quanto tempo sto sull'altalena?
Dr ██████: Sono le ██:49 e nessuna massa nuvolosa si è frapposta tra il perimetro e il sole.
D-555: Allora perché sembra notte? Aspetta un momento, c'è qualcuno qui? Chi ride? Chi diavolo è che sta ridendo?

L'angolo di oscillazione è ora pari a ██ gradi. Dai microfoni non perviene alcun rumore o suono anomalo, con esclusione del cigolio delle catene.

D-555: Si può sapere chi cazzo è che sta ridendo? Deve esserci qualche marmocchio nel bosco…
Dr ██████:L'intera zona è sgombra, non c'è nessuno.
D-555: Dannazione, sto dicendo che… aspetta un attimo, e quello chi è?
Dr ██████: Di chi stai parlando? Vedi qualcuno?
D-555: Sì, mi pare di vedere una testa che esce da dietro il tronco di un albero.
Dr ██████: Descrivi meglio.
D-555: Non posso… non lo vedo chiaramente, è molto buio qui. Sembra un uomo… ora è uscito completamente da dietro l’albero… tiene entrambe le braccia in alto… si sta muovendo verso di me.
Dr ██████: Quanto è distante?
D-555: Non saprei, approssimativamente ███ metri.

Né le telecamere, né i sensori di movimento rilevano presenze oltre a D-555.

D-555: Sta camminando verso di me molto lentamente, ma ogni volta che vado in avanti con l'altalena sembra più vicino di almeno 30 metri!
Dr ██████: Ferma l'altalena immediatamente.
D-555: Non ci riesco… non ci riesco.

Le immagini mostrano D-555 cercare di frenare il moto oscillatorio con i piedi, tuttavia dai rilevatori di velocità non si riscontra alcuna decelerazione.

D-555: (Tono spaventato) Sta correndo, ora sta correndo… sta correndo verso di me!
Dr ██████: Riesci a vederlo?
D-555: (Esitando) O mio dio è orribile. Non… non ha le palpebre e la sua mascella… mio dio non può essere umano…
Dr ██████: Puoi descriverlo meglio?
D-555: (Urlando) Ommioddio lui è… (grida)

Le comunicazioni con D-555 si interrompono. L'altalena comincia a rallentare. 27 secondi dopo si arresta del tutto. Nessuna anomalia tecnica da segnalare. Causa del decesso: arresto cardiaco. Ora del decesso ██:██. Il volto di D-555 presenta un'espressione [DATI MANCANTI]

Documento XXX-7

Trascrizione parziale di un’intervista con l’Agente ████ in merito all'Incidente XXX-IV
Intervistante: Dr ████████:

Dr ████████: Quindi come ha agito esattamente?
Agente: Ho seguito il protocollo alla lettera. Il rilevatore termico sembrava non funzionare. Non rilevava alcun cambiamento di temperatura a ridosso dell'altalena e lei sa meglio di me che è impossibile, considerando l’energia cinetica prodotta da D-7638. Appena D-7638 ha affermato di scorgere una figura antropomorfa a circa ███ metri di distanza ho verificato ed effettivamnte il rilevatore segnalava una netta nuvola di calore alla stessa distanza indicata da lui. La chiazza di calore ha iniziato a spostarsi lentamente verso l’altalena, così sono corso alle spalle di D-7638. Circa 10 secondi dopo D-7638 ha cominciato a urlare, dicendo di voler scendere dall’altalena. È stato proprio allora che è successo.
Dr ████████: Sia più specifico, la prego.
Agente: Ma lo sa già… l’ho raccontato mille volte.
Dr ████████: E allora facciamo mille e uno, no?
Agente: L'ho afferrato. Mi sono fatto avanti e ho bloccato D-7638. È successo tutto in un attimo. Ho solo alzato gli occhi e… e l’ho visto anche io. Me lo sono praticamente trovato davanti agli occhi. Sarà stato lontano dall’altalena meno di dieci metri. Stava correndo.
Dr ████████: Quindi appena lei è entrato in contatto diretto con D-7638 ha potuto vedere il soggetto ostile?
Agente: Sì, è così.
Dr ████████: E potrebbe descriverlo?
Agente: Non esattamente… è durato tutto pochi attimi… sembrava un comune essere umano adulto di sesso maschile, alto sul metro e ottanta. Non ricordo che cosa indossasse. Le sue braccia… teneva le braccia in alto… erano coperte di ferite, di croste. Anche di fango, o almeno credo. È tutto molto confuso. L’unica cosa su cui potrei mettere la mano sul fuoco sono i suoi occhi. Erano qualcosa di… di maledetto. Più grandi di quelli di qualunque essere umano. Erano perfettamente tondi, senza palpebre. Anche la bocca era più grande. Per un attimo mi sembrò che la sua mascella fosse elastica, come quella dei serpenti, ma su questo non ci giurerei.
Dr ████████: E che cosa ha fatto?
Agente: Ho mollato la presa… non volevo farlo, ma una forza inesprimibile mi ha scaraventato al suolo. Quando quel… quando è arrivato a ridosso di D-7368, mi sono sentito come se fossi stato investito da un treno.
Dr ████████: Quando ha mollato la presa il soggetto ostile non era più presente, giusto?
Agente: Esatto. Sparito nel nulla. Sono rimasto lì imbambolato per quasi un minuto, come folgorato, ma dell’ostile nessuna traccia.
Dr ████████: Che cosa ha pensato quando si è ridestato dal suo stato catatonico?
Agente: Ero terrorizzato. D-7638 era morto davanti ai miei occhi, con quella raccapricciante espressione [DATI RIMOSSI], eppure vuole sapere cosa stavo veramente pensando? Pensavo: quanto cazzo vorrei fare un giro su questa dannata altalena.
Dr ████████: Molto bene, agente ████. Vuole aggiungere qualcosa?
Agente: A dire il vero avrei una domanda. Se la variazione di calore registrata dai rilevatori termici era quel dannato mostro, allora cosa sono tutte le altre variazioni rilevate dietro l’altalena?

Nota: secondo i risultati della macchina della verità l'agente ████████ non ha mentito. È di conseguenza ipotizzabile che a livello inconscio egli abbia rielaborato gli eventi accaduti, sostituendo quanto verificato empiricamente dalle riprese delle telecamere (l'agente ████████ spinge ripetutamente l'altalena con D-7368 a bordo, nonostante le suppliche di quest'ultimo) con una versione fittizia (l'agente ████████ blocca il moto oscillatorio dell'altalena).

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License