Sandbox di Lord Caos

[[inculde:scpsandboxit:component:usefultool-module]]




SCP ATTUALE/I

Lo Spettacolo di Via Rei

voto: 0+x
drama-312318_960_720.png

Il retro della carta da gioco usata per pubblicizzare gli eventi SCP-XXX-IT-1, IT-2 e IT-3.

Elemento #: SCP-XXX-IT

Classe dell'Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: L'Area di Contenimento designata come Teatro-1 o T-1, dislocata a 16 chilometri dalla periferia di Roma, deve essere costantemente sorvegliata durante i quattro giorni che precedono la manifestazione di SCP-XXX-IT. Qualora non fosse possibile, neppure utilizzando uno degli inviti distribuiti dall'Anomalia, raggiungere l'Area di Contenimento, le squadre della SIR-I designate devono immediatamente effettuare ricognizioni necessarie ad individuare gli inviti distribuiti dell'anomalia e recuperarne il più possibile.

Dopo l'inizio della manifestazione di SCP-XXX-IT, non meno di 16 membri del Personale di Classe D devono essere sempre disponibili a recarsi nell'Area T1 per impedire l'ingresso di potenziali vittime civili. Il personale deve essere considerato MIA dopo l'ingresso nell'Area T1 e qualsiasi tentativo di recupero o ulteriore entrata all'interno è proibito. Al termine del periodo di manifestazione l'Area T1 va immediatamente occupata per recuperare eventuali feriti o dispersi.

Descrizione: SCP-XXX-IT è una compagnia teatrale formata da quattro entità mutaforma, da qui in avanti classificati come SCP-XXX-IT-A, IT-B, IT-C e IT-D; esse appaiono, nella maggior parte dei casi, come umanoidi dai tratti sproporzionati e dotati di sapienza, oltre che di vasta conoscenza riguardante il mondo del teatro, la musica, la pittura e la scultura.

SCP-XXX-IT si manifesta approssimativamente una volta ogni quattro mesi, pubblicizzando il proprio arrivo quattro giorni prima della messa in scena tramite diverse carte da gioco distribuite in un raggio di 16 chilometri dall'Area T1. Esse si dimostrano capaci di apparire su banconi di bar, nelle tasche di alcuni individui e persino all'interno dei loro effetti personali quali portafogli o borse. Marchio distintivo delle carte è la loro forte interferenza magnetica, capace di interrompere segnali radio, telefonici e qualsiasi connessione Wi-Fi nel raggio di una decina di metri.

Addendum: (Paragrafo aggiuntivo opzionale)




SCP-001-IT/CAOS - IL GRANDE OCCHIO DEL MEDITERRANEO

voto: 0+x

Attenzione, questo documento è stato aggiornato il

ACCESSO CONSENTITO. BUONA LETTURA.

ACCESSO DI LIVELLO 5 CONFERMATO.

BUONA LETTURA.

Calipso.jpg

Posizione attuale di SCP-001-IT/CAOS.

Elemento #: SCP-001-IT/CAOS

Classe dell'Oggetto: Keter

Procedure Speciali di Contenimento: SCP-001-IT/CAOS è attualmente auto-contenuto nell'area geografica nota come "Fossa Calipso", situata ad oltre 5 km di profondità nel Mar Mediterraneo. A causa delle estreme condizioni ambientali e della resistenza incontrata da parte del Culto del Grande Occhio del Mediterraneo, al momento della scrittura non esistono protocolli che prevedano lo spostamento di SCP-001-IT/CAOS in un Sito o in un'Area di Contenimento convenzionale.

SCP-001-IT/CAOS va costantemente sorvegliato tramite settimanali ricognizioni da parte della squadra droni sottomarini della SSM-II "//Legio Atlantis//", composta da tre unità ROV modificate dal Sito Vulcano; è inoltre proibito al personale umano di avvicinarsi a meno di quattro miglia nautiche dalla Fossa Calipso, a causa della forte influenza mentale esercitata da SCP-001-IT/CAOS. Per nessun motivo deve essere avviato un contatto con eventuali forze CGOM: in caso di conflitto i droni devono immediatamente procedere al rientro nella base operativa più vicina; qualora siano i membri del CGOM ad attaccare, al di fuori dell'Area Speciale C11, l'ingaggio è permesso ed una eventuale ricollocazione del punto di schieramento dei droni è da considerarsi necessaria per ogni futura ricognizione. Ogni esplorazione dell'Area C1 deve avere come scopo prioritario l'acquisizione di informazioni circa le condizioni attuali di SCP-001-IT/CAOS.

Descrizione: SCP-001-IT/CAOS è la divinità venerata dal GdI noto come "Culto del Grande Occhio" e denominata, per l'appunto, "Grande Occhio" dagli adepti di quest'ultimo. Al momento della scrittura essa è stata osservata essere parzialmente rinchiusa nel fondale della Fossa Calipso, intrappolata al di là di una superficie in vetro di origine ignota; il resto di SCP-001/CAOS-IT è costituito da due pilastri di natura ignota, che emergono dalla superficie del vetro e proseguono in linea retta fino alla zona immediatamente più vicina non facente parte dell'Abisso Calipso. Non è noto quale sia la vera forma di SCP-001-IT/CAOS al di là del vetro, tuttavia esso sembra emettere costantemente una luce pulsante, di colorazione verdastra, che si propaga anche attraverso le due colonne citate sopra. SCP-001-IT/CAOS sembra, inoltre, essere nel mezzo di un processo di trasmutazione completa, tramite la quale l'Entità si sta lentamente trasformando in una complessa struttura sommersa dallo scopo ignoto, parte integrante della coppia di pilastri già formati; tale metamorfosi permetterebbe a SCP-001-IT/CAOS di uscire dalla "prigione" nella quale è rinchiuso e permettere al "Grande Occhio" di raggiungere questo evento sembra anche essere lo scopo ultimo di ogni membro del CGOM.

La parte di CAOS/IT che è composta dai due pilastri2, si è dimostrata essere dotata di movimento anomalo e questi ultimi sono stati osservati ruotare costantemente su sé stessi ad una velocità di circa 17 km/h. IT/CAOS-1 presenta glifi di natura taumaturgica e ulteriori simboli di orgine ignota scolpiti lungo tutto il tratto visibile della lunghezza dei pilastri: in aggiunta, essi tendono a "pulsare" ed illuminarsi di verde marino a ritmi regolari, in perfetta sincronia con le "pulsazioni" osservate dalla luce emessa da IT/CAOS-2.
Approssimativamente una volta a settimana, una forte luce rossastra (pari a circa 1000/1500 candele di intensità) verrà generata tra i due pilastri, che inizieranno a roteare sempre più velocemente fino a raggiungere i 45 km/h: è stato osservato come in questo frangente di tempo alcuni cultisti si radunino lungo i bordi della Fossa per eseguire rituali, compreso il sacrificio di oggetti/elementi anomali e la “conversione” forzata di alcuni individui al Grande Occhio; tale fenomeno dura di solito diverse ore, ma può arrivare anche a proseguire per diversi giorni.
Indagini successive ad uno dei primi "rituali" osservati hanno rivelato come essi siano essenziali nel permettere ad SCP-001-IT/CAOS di proseguire nella propria trasmutazione il più velocemente possibile.

SCP-001-IT/CAOS è, inoltre, protetto costantemente da svariate centinaia di uomini del CGOM (inclusi non meno di due o tre elementi “Cercatori” e un singolo “Guardiano”) oltre che da tre/quattro creature anomale di natura taumaturgica3, ma solo sul fondale marino: le ricognizioni all'interno della Fossa hanno rivelato come nella maggior parte dei casi non vi sia presenza CGOM al suo interno, forse dovuta a qualche regola vigente all'interno della loro organizzazione.

Come unica proprietà anomala diretta dimostrata, SCP-001-IT/CAOS possiede un'area di forte influenza mentale, pari circa a quattro miglia nautiche dal punto più profondo della Fossa, all'interno della quale ogni essere umano subisce gradualmente una conversione completa al credo del Culto e, anche se solo per brevi periodi, cercherà in ogni modo di avvicinarsi alla luce emessa dall'entità, spesso non curandosi della propria incolumità o di quella dei suoi eventuali accompagnatori. Tale fenomeno era già stato riscontrato in maniera minore in SCP-115-IT, pertanto è da considerarsi di natura taumaturgica, specie se legato a luoghi, oggetti ed entità attraverso i quali SCP-001/CAOS-IT può manifestare indirettamente il suo controllo mentale.

Lungo l'area nelle immediate vicinanze della parte iniziale di SCP-001-IT/CAOS-1 è individuabile una vera e propria "città", composta da edifici di varie dimensioni e costituita principalmente da rocce, relitti di navi e materiale organico non meglio identificato. Adepti del Culto abitano nella città ed essa appare popolata da non meno di un migliaio di membri del CGOM, identificandola quindi come la loro base più grande mai individuata (al momento della scrittura). Tentativi di esplorazione più approfondita della città si sono rivelati fallimentari e di conseguenza sono stati sospesi fino a nuovo ordine.

Nonostante le scarse informazioni disponibili, SCP-001-IT/CAOS è probabilmente il responsabile di tutti i fenomeni anomali collegati al Culto del Grande Occhio del Mediterraneo e l'esistenza dello stesso è dovuta alla presenza di tale entità.


Scoperta: //SCP-001-IT/CAOS fu scoperto il 15 ottobre 2014, circa un mese dopo la scomparsa del Direttore █████, nell'attuale area geografia sovramenzionata. 001-IT/CAOS fu dapprima ritenuto impossibile da raggiungere a causa della sua influenza mentale anomala e delle estreme profondità; grazie al supporto di un team di ricerca del Sito Vulcano tuttavia, queste difficoltà sono state arginate con successo.
Particolare attenzione va riservata alla città individuata nei pressi di 001-IT/CAOS: essa era stata in origine identificata da altri reperti rinvenuti nel bacino del Mediterraneo, i quali facevano riferimento, apparentemente, alla storia del Culto del Grande Occhio; di seguito, alcuni dei ritrovamenti più significativi.


Addendum-Bestiario-001/CAOS: Di seguito elencate le informazioni raccolte circa le creature classificate come SCP-001-IT/CAOS-A, -B e -C.


Addendum-04-Delta-23: In un evento, documentato nei file riservati di SCP-057-IT, una quarta creatura, classificata come SCP-001-IT/CAOS-D, è stata avvistata e aggiunta ai relativi file di sicurezza, di cui a seguire:

IT/CAOS-D è una creatura parzialmente intangibile, che coesiste nel piano psichico di tutti gli individui collegati in qualche modo al Grande Occhio: come una specie di antivirus, IT/CAOS-D si manifesta inizialmente nella mente, nel sonno e nella realtà di coloro che vengono considerati come "devianti" dal ferreo culto del CGOM, iniziando dapprima a privarli di sensazioni, poi di ricordi ed infine infliggendo ferite fisiche tramite manifestazioni nel mondo reale. Ulteriori descrizioni della suddetta creatura si basano esclusivamente sulle interviste con SCP-057-IT-B, i quali confermano IT/CAOS-D come una entità trascendente e quasi completamente esoterica. Massima cautela va quindi esercitata qualora, specie nelle vicinanze del confine dell'Area Speciale C1, essa dovesse manifestarsi o iniziare ad infestare membri del Personale.




GDI

GDI

La Cattedrale

~ LC ~

cfologo_vrs4.png

Descrizione: La Cattedrale è un

Organizzazione: Bla

Scopi: BLa

Attitudine verso la Fondazione: BLa

Motto: Dei, quod reliquum est, nolite metuere, de ossa tua liberabit, expectans.

Coinvolgimenti:

  • Bla





RACCONTI/SCHEDE ATTUALI

"Signori e signore, benvenuti nella Sezione di Studio Taumaturgica, abbreviata in SST. Che voi siate state assegnati o abbiate di vostra volontà intenzione di lavorare qui giù, sappiate che non potrete mai dire con certezza di avere esperienza in questo settore. Chi vi parla è il Nono Sovrintendente della Branca Italiana, nonché Direttore di questa parte del Sito Deus.

Dante Alighieri, trovandosi di fronte alla maestosa figura di Dio Onnipotente, sviene poiché non in grado di descriverne la natura in termini umani. Per quanto poco ortodosse, ho sempre trovato le sue parole estremamente adatte a tutto ciò che la nostra Sezione ogni giorno studia e manipola. Qua sotto farete bene a mettere la vostra anima in gioco perché vi posso garantire che, se non lo farete, è probabile che vi verrà strappata appena abbasserete la guardia: qui noi impariamo ad usare oggetti collegati ai principali concetti religiosi e a studiare tutto ciò che per altri appare come "riti e credenze" mentre a noi appare come qualsiasi altra cosa che, nella SCP, dobbiamo imparare a conoscere e contenere. Per "Taumaturgico" intendiamo tutto ciò che, in una chiesa così come in una moschea, verrebbe definito un miracolo, mentre qui noi definiamo la taumaturgia come una grande opportunità di capire cosa c'è oltre tutto quello che i nostri occhi hanno finora solo intravisto nelle anomalie. Noi non abbiamo il lusso del tempo: capire come usare un’arma o un oggetto taumaturgico prima che esso diventi instabile o finisca contenuto normalmente è essenziale; aspettatevi di studiare giorno e notte glifi dai significati religiosi e contorti che darebbero filo da torcere pure alla Sezione di Memetica.

Immagino che già abbiate appieno compreso i requisiti necessari per essere qui, pertanto, tralasciando i convenevoli, vi illustro come è organizzato il nostro angolo di Purgatorio: siamo dislocati nella Sezione più profonda del Sito Deus6 e l'accesso è regolamentato dall’Ascensore Aleph Zero, costantemente sorvegliato. Ogni settimana l'ascensore che consente l'accesso al Dipartimento perde tali permessi, che vengono trasferiti ad un altro ascensore: in parole povere, vi suggerisco di tenere sempre d'occhio il vostro badge elettronico per sapere quale ascensore vi porterà qui e quale invece vi condurrà dalla parte opposta del Deus; fate attenzione, la Vice-Direttrice Chiara Rodio non tollera i ritardi, pertanto il vostro perdervi in giro per il Sito sarà motivo di ammonimento…se non peggio.

Una volta raggiunta la Sezione, potrete entrare direttamente nella Divisione di Ricerca e Sviluppo, ove potrete testare e mettere le mani sugli SCP a nostra disposizione per vedere se alcuni di essi rispondono alle caratteristiche di un'ideale Oggetto Taumaturgico: vi ricordo anche che tutti quelli che hanno affinità con particolari effetti taumaturgici vengono classificati come Oggetti Taumaturgici, pertanto occhio ai vostri rapporti. Una volta resi tali, gli OT, in collaborazione con le altre Sezioni della Fondazione esperte sulle conseguenze dell'utilizzo dei suddetti, vengono da noi supervisionati in quanto rappresentano spesso segreti da custodire con cura, quindi usate la testa e non commettete errori.

Oltre alla DRS, abbiamo anche vaste Aree di Test nella Divisione di Contenimento e Schieramento Taumaturgici, anche nota come DCST, ove è permesso lo studio “attivo” degli OT più promettenti. Per procurarvi gli OT dovete però sottoporre richiesta a me medesimo o alla Vice-Direttrice, i quali sono gli unici che possono farvi accedere a tali Oggetti il più delle volte.

Infine, vi ricordo che per ogni Divisione abbiamo varie altre sottosezioni che si dedicano esclusivamente a vari ambiti della taumaturgia, come le anomalie "Nere", che racchiudono significati oscuri o associati al "male", e quelle "Bianche", ovvero l'opposto, ma avrete tempo di imparare per bene ogni dettaglio. Vi basti sapere che ovviamente non ci limitiamo alle definizioni dettate dalle principali religioni monoteiste a riguardo: un'esempio sono le svariate tonalità di "chiaroscuro" presenti in innumerevoli religioni antiche.

Detto questo, ho concluso. Spero di rivedere la maggior parte di voi nei meeeting di fine mese. Sono ancora aperte parecchie posizioni nel mio staff personale, per cui dimostratemi di avere la giusta forza di volontà. Il mondo ci ha messo di fronte a Oggetti ed Entità che violano ogni logica, per cui noi stessi dobbiamo diventare altrettanto imprevedibili.
Sorprendentemi."

Nono posa i fogli recanti il discorso e osserva con attenzione Matteo Alighieri, suo fidato assistente.

"Beh, cosa ne dici? Può funzionare?" chiede, sperando di non aver sprecato l'ultima mezzora nella stesura del discorso.

"Mi sembra…carino, signore. Nulla di troppo esagerato, di sicurò farà sentire i nuovi arrivati a loro agio fin da subito." risponde subito dopo il giovane in camice bianco, che desidera solo di poter uscire di lì il prima possibile: nonostante conosca Nono ormai da quasi 5 anni, rimane sempre intimidito dalla sua imprevidibilità che, combinata con la sua pigrizia burocratica, non faceva che farlo finire sempre nei guai.

"Perfetto, perché sarai tu a recitare la parte del Direttore al posto mio." aggiunge il Sovrintendente, non nascondendo un leggero sorriso dopo aver constatato il panico negli occhi del suo fidato Capo Ricercatore.

"S-Sta scherzando?! Non posso fare…fare questo! È compito suo, la prego, h-ho del lavoro da fare e…" ma non fa in tempo a terminare la frase che Nono è già in piedi. Si dirige verso la porta e prima di uscire fa un cenno con la mano senza voltarsi.

"Te la caverai. E poi scusa, sono io quello nei guai qui! Preferisci andare al Vittoria con la Vice-Direttrice Rodio?" conclude, fermandosi e osservando con la vista periferica gli occhi del povero Alighieri riempirsi di terrore pensando ai passati conflitti con la sua perfida "collega", la vice-direttrice della Sezione, temuta in ogni angolo di essa (se non nell'intero Sito Deus). La sua estrema e quasi maniacale professionalità e rigidezza sul posto di lavoro rendevano Chiara Rodio l'esatto opposto di Nono, che invece era quasi sempre a suo agio, rilassato e ben poco nervoso in quell'ambiente a lui familiare.

"Come sospettavo. Io non ci sono per nessuno, come già sai." comunica Nono per l'ultima volta, prima di allontanarsi. Il Capo Ricercatore Alighieri sospira: il Nono Sovrintendente odiava il più delle volte la burocrazia e tutti i suoi doveri, tranne quelli legati alle cose che catturassero la sua attenzione. Alle volte si chiedeva il perché non provasse a darsi per morto e a fuggire, ma poi si ricordava della promessa fatta alla sua…sì a lei e il motivo diveniva sorprendentemente chiaro.
La Sezione aveva sempre dato il massimo in tutto quello che faceva, creando un piccolo angolo di ricerca "poco ortodossa", come scritto nel discorso.
In questo, Nono, così come tanti altri, era eccelso: nonostante tutto quello che nascondeva sotto una fredda maschera metallica, andava avanti e perseverava lì dove altri avrebbero appeso il camice al chiodo; forse era anche per questo che la Sovrintendenza aveva scelto lui, oltre che per le sue conoscenze sul campo taumaturgico.

Alighieri afferra i fogli del discorso introduttivo e, mentre si dirige nella sala conferenze, inizia a rileggersi e memorizzare mentalmente il tutto, modificando ovviamente i riferimenti al Nono Sovrintendente. Se toccava a lui, tanto valeva far fare una bella figura alla Sezione senza spaventare i nuovi arrivati.







PROGETTI A MEDIO/LUNGO TERMINE.

  • SCP-001-IT/CAOS - Il Grande Occhio del Mediterraneo - IDEA - Culto del Grande Occhio - Grande struttura ancestrale capace di "resettare" la realtà dopo aver assorbito abbastanza oggetti anomali e/o energia anomala. In realtà si tratta di una antica prigione che tiene rinchiuso una potente e dimenticata minaccia per la realtà stessa.
  • Il Cecchino - IDEA - Canone dei Kit - Entità umanoide che rappresenta il Kit del Perfetto Cacciatore.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License